Torta di zucca, la più buona… ma bruttina!

pumpkin pie

Ma che buona!
Aò c’è da non crederci che una torta con la zucca possa essere così buona!
Come dicevo lunedì, ho cercato tanto sta ricetta perfetta, non mi andava un impasto “normale” con l’aggiunta del purè di zucca, cercavo una cosina più appetitosa e meno da colazione.
Gira che ti rigira tra i vari siti e blog mi sono imbattuta in questa ricetta , poi mi sono accorta che qualcuno l’aveva già provata con ottimi risultati  e così ho deciso di provare anche io!

Ingredienti:

Per la base:

Mettere nel frullatore 250 g di farina

125 g di burro freddo

60 ml di acqua fredda

Un pizzico di sale

Frullare finché non diventa una palla. A questo punto togliere dal frullatore, avvolgere nella pellicola e mettere in frigo.

Si comincia quindi con il ripieno, che è la parte più divertente:

200 g di zucchero muscovado

80 ml di acqua

450 ml di panna fresca

800 g di zucca (servono circa 400 g di purè)

1 cucchiaino abbondante di cannella in polvere

1 cucchiaino abbondante di zenzero in polvere

¼ di cucchiaino di noce moscata

½ cucchiaino di sale

4 uova intere

Ho scelto lo zucchero muscovado perché in giro avevo trovato altre ricette che lo utilizzavano, lo volevo provare e direi che si adatta perfettamente a questo ripieno speziato, rendendo la torta “non troppo dolce” ma molto profumata ed aromatica… ho reso l’idea?

Si comincia con il caramello: acqua e zucchero in un pentolino, far bollire, abbassare la fiamma e lasciar cuocere per circa 10 minuti, il profumo è impagabile!
Togliere dal fuoco ed aggiungere la panna tiepida (1 minuto nel microonde ed è perfetta!), mescolare bene ed aggiungere poi il purè di zucca (io l’ho preparato semplicemente cuocendo la zucca a vapore e poi frullando il tutto, si può fare anche al forno e rimane meno umida).
Far amalgamare il tutto e aggiungere il sale e le spezie, alla fine aggiungere le uova leggermente sbattute.

Nel frattempo la base si sarà rassodata e sarà possibile lavorarla per foderare uno stampo da crostata, stenderla anche sui bordi che il ripieno si gonfierà un pochino. Dopodichè versare il ripieno ed infornare a 180° finchè il ripieno si sarà rassodato, direi un’oretta.

Far freddare prima di servire, il giorno dopo è ancora più buona!

Una bella scoperta questa torta, profumata, morbida, quasi un dessert speziato. Sembra, più che un dolce americano, un dolce svedese, o comunque del nord europa. Ripeto: buonissimo!

Annunci

Che stronza che sei!

woo doo

Mi spiace che mi si sia un po’ riaperta questa ferita. Evidentemente ha ragione mi marito che dice che “vivo di piccole cose”. Dev’essere così, e allora che ci posso fare?
Oggi ha fatto finta di non vedermi, manco fossimo in seconda elementare!
Non aveva mai voluto stamparli verticali. Quest’anno mi ha fatta fuori e li ha stampati verticali. Ma non fa pena?
Non è miseria nelle sue piccole ripicche?
Comunque mi dispiace ma mi fa diventare proprio cattiva. Io la odio.

Pubblicato su varie

Tag:

Permalink Lascia un commento

dimenticando tutto a casa.

tè verde

Ahloa.
Eccoci nel vivo di un altro simpatico lunedì mattina di freddo.
Vorrei cominciare con un quesito: perchè costringere una diciottenne a fare lezione di scuola guida lunedi mattina alle ore NOVE su Viale Regina Margherita? Bè… io le stavo dietro, e sebbene mi sia più volte ripromessa di essere calma, tranquilla e rilassata mentre guido la giovincella mi ha messa a dura prova. Tra macchine in doppia fila, semafori che durano 32 secondi, manovre impossibili da parte di tutti, dalle smart ai TIR, la poverina ha impiegato circa 30 minuti a schivare ostacoli tra la nomentana e piazza ungheria, ed io dietro, buona buona, non ho detto neanche una parolaccia, al massimo la incitavo a muoversi un pochino… è stata durissima. Cmq queste cose non si fanno, per il bene di tutti, scuola guida non in orari di punta, please!

Stamattina ho deciso di andare a lavoro  in macchina perchè volevo portare il bollitore elettrico, così ho preparato tutto, i tè, le tazze, cucchiaini, zucchero muscovado nuovo nuovo, e ho preparato tutto vicino alla porta… così uscendo non potevo dimenticarli. Sono stata ottimista… HO DIMENTICATO tutto a casa! cazzarola però che testa!
E adesso sono qui che vorrei un bel tè caldo e profumato e invece niente. Mi attacco. Ben mi sta.

Per i dolci del weekend siccome non ho portato con me nessuna foto, rimandiamo a domani, o a stasera se riesco.
Comunque tratttsi di:  girelle alla crema e pumpkin pie!

Pubblicato su diario

Tag:

Permalink Lascia un commento

Finalmente.

Finalmente è venerdì. Questa settimana è davvero volata.  Da una parte bene, dall’altra male perché avevo dei compiti da assolvere e invece ho sempre rimandato! Vabbè, prometto (per la seconda volta!) che la settimana prossima andrò alla segreteria dell’università e farò quello che devo fare. Ok?

Programmi per il week end? Hai visto le previsioni? Io no. Speriamo in un po’ più di tepore!
Domenica a pranzo dai miei, io porterò il dolce, ciò significa che da stasera comincerò a sfogliare tutti i numeri di sale & pepe, a girare per tutti i blog alla ricerca della ricetta perfetta.
Mi piacerebbe fare il cake con il tè macha e la banana, oppure quelle girelle con la crema e l’uvetta che devono essere buonissime, altre idee? Devo consultare i miei ritagli e  le mie stampe e poi deciderò, sempre tenendo presente che né mio marito né mio padre amano i dolci “secchi”, tipo cake, ciambelloni, ecc… se non hanno creme e cremine o ripieni o cose umide non li amano.
Il massimo per loro è la zuppa inglese, ecco se c’è un dolce che non amo è proprio la zuppa inglese, quando si dice il feeling!
Ora che ci penso giorni fa mi era presa la mania del dolce con la zucca, e sarebbe anche comodo per smaltire quel pezzo di zucca avanzato dalla vellutata dell’altro sera. Ora cerco un po’.

Oggi poi è venerdì e mi sento pure  romantica… quindi mi dedico una canzoncina, veramente bella!

Ma che freddo fa?

pinguini madagascar

Ma l’autunno? Qui siamo già in inverno. tra un po’ arriveranno pure orsi e pinguini!
Io mi ostino a vestirmi da autunno e tutte le mattine mi congelo. C’è da dire però che sono giornate bellissime, il cielo è azzurro, l’aria pulita, niente umidità, se solo la temperatura salisse un po’ si starebbe molto meglio.
La giornata qui procede pigra e senza grandi attività. Aspetto il pranzo e mi sogno le zuppe berlinesi di questa estate, che buone!

Oggi comincia la Festa. E comincia senza di me, per il primo anno.  Che brutta sensazione. Che stronzi che sono stati. Bisogna proprio dirlo, pane al pane.
Ormai me ne sono fatta una ragione, però quando ci penso la ferita brucia ancora. Non si buttano via le persone così. Non dopo che hanno dato l’anima. Era anche la MIA  Festa, ma loro non se ne sono accorti. Costavo troppo e non avevano soldi. Certo, sarà pur vero, se la coperta è quella e se la prendono tutta loro è ovvio che per gli altri non ce n’è.  La situazione quindi è che fianco a fianco lavorano persone di serie A e di serie B e forse anche di serie C.
I primi hanno contratti regolari, a tempo indeterminato, hanno ferie, straordinari, buoni pasto e sicurezza per 12 mesi l’anno.
Gli altri hanno contratti a progetto, gaudagnano dai 600 ai 1600 euro al mese, lavorano per pochi mesi, qualcuno per tanti mesi, lavorano anche 12/14 ore al giorno ma non hanno straordinari, nè buonipasto, nè altro.
Gli altri sono gli stagisti. Sfruttati e basta. Anche loro 12/14 ore al giorno, non prendono una lira (non ci sono i soldi!), non hanno rimborsi per i pasti nè altro. E a fine festa se ne vanno a  calci in culo.
Ma quasi mi dimenticavo il top del top, i raccomandati!
Loro sono figli di, amici di, figli di amici di, hanno lavorato alla campagna elettorale di, alcuni sono addirittura figli dei custodi della villa di.
Lavorano 12 mesi l’anno, direi 9/10 dei quali stanno a guardare film e video su youtube.
Se ci andassero le iene e facessero uan ricerca su nomi e cognomi di quelli che lavorano verrebbero fuori un sacco di cosette interessanti!
La tristezza e la povertà di questo paese di nepotisti è che pensiamo che debbando andare le iene o striscia la notizia a sgamare il tutto, quando invece, cazzarola, certe situazioni non si dovrebbero proprio verificare. In un paese almeno un po’ civile o con un barlume di coscienza civile questo non deve succedere.
Non me ne frega niente se mi vengono a dire che comunque Andrea, pur essendo figlio di, è sveglio e bravino e lavora bene… capito cosa ti dicono per ripulirsi un po’ la coscienza?
Ma tutti gli altri bravini che non sono figli di cotanto padre che fanno? Eddai, non si può andare avanti così.
All’inizio volevo scrivere una bella letterina a qualche quotidiano per  “sputtanare” portare alla luce del sole tutte ste contraddizioni, ma che ci prendi in giro? Qui è la fiera del predicare bene per prendere voti e razzolare male.
Poi la lettera non l’ho più scritta, per pigrizia, per paura di non trovare le parole, per paura di essere, come mio solito, troppo polemica e poco concentrata sui fatti.
Ora penso che avrei dovuto farlo, se io ti voto tu devi essere pulito, se crei una struttura dal nulla, se ne sei il padrone, se al comando ci sono i tuoi uomini,  non puoi non mettere in pratica quello che vai predicando da anni, noo?

Perdono per lo sfogo, ma oggi è così.
Ah, comunque, buona Festa! Divertitevi.

Me.

Anna

if (WIDGETBOX) WIDGETBOX.renderWidget('a43f024f-922c-44e3-a835-2fde72bcb167');Get the Baby & Pregnancy Countdown Ticker widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
ottobre: 2009
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Sono passati da qui

  • 11,266 lettori

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad 1 altro follower